GRE - gestione referti ecografici

Il sistema ABS - Active Baby Sitting permette un monitoraggio continuo di un neonato prematuro in assenza di personale.

Infatti, alcuni neonati prematuri, devono rimanere in reparti specializzati che, vista la fragilità e la sensibilità di questi pazienti, sono normalmente sale asettiche.

Per tutelare il prematuro, l'accesso a questi ambienti è consentito solo al personale specializzato. Tale cautela coinvolge anche i genitori, ai quali viene consentito di vedere il bimbo solo poche ore al giorno, con notevole effetto sul piano psicologico.

Inoltre i prematuri, proprio per il loro stato, necessitano di monitoraggio continuo, soprattutto se presentano problemi cardiaci.

Da qui nasce l'esigenza di fornire un sistema ad alta tecnologia, che consenta di monitorare costantemente il prematuro per le esigenze cliniche e di emergenza e che permetta inoltre di fornire un contatto con il bimbo anche alla famiglia senza entrare nella sala di degenza.

Attualmente infatti, per il controllo del prematuro, viene utilizzato personale infermieristico o, in alcuni casi, sistemi di video-sorveglianza. Questi sistemi, che prevedono l'utilizzo di telecamere con visione su monitor presentano però un punto debole perché non sono in grado di segnalare nessun allarme, tanto meno in modo tempestivo, e richiede comunque la presenza del personale in loco.

Tale modalità inoltre è poco affidabile, visto che normalmente esiste un solo apparato centrale che coordina tutte le immagini e che in caso di suo disservizio compromette tutto il sistema. Va aggiunto anche che il cavo di collegamento delle telecamere, in genere un coassiale, generalmente non permette di avere audio.

Il sistema ABS al contrario, controlla costantemente i neonati monitorandoli con un sistema a riconoscimento audio e video.

Il sistema audio rileva i vagiti emessi, riportando un allarme se la tonalità emessa è superiore ad un livello precedentemente stabilito. Il livello di allarme della tonalità o dell'intensità dei vagiti può essere liberamente regolato dal personale addetto.

Il protocollo di comunicazione utilizzato è il TCP/IP, si sfruttano in questo modo i normali cavi di trasmissione dati già presenti nella struttura, evitando così ulteriori costosi cablaggi, e si predispone già il sistema per future integrazioni.

Il protocollo di trasmissione adottato consente la trasmissione informazioni video, audio, dati e altro.

Un modulo aggiuntivo permette anche il riconoscimento dei movimenti del bambino in modo da impostare altri livelli di allarme.

Le telecamere, di tipo mobile, permettono variazioni di ripresa o zoom pilotati anche via web.

I segnali di allarme oltre a essere visualizzati dal sistema di controllo, possono essere inviati su palmari, cercapersone o cellulari tramite sms.

I segnali di allarme possono anche provenire da strumenti live support presenti nella sala degenza.

ABS - Active Baby Sitting

GRE - gestione referti ecografici